ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Tot. Articoli 0

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Nessun articolo nel Carrello

Tot. Articoli 0

Totale: 0,00 €

ARTICOLI IN WISHLIST

Hai 0 articoli in lista

ARTICOLI IN WISHLIST

ARTICOLI IN WISHLIST

Nessun articolo nella Wishlist

Hai 0 articoli in lista

PADRE PEPPE CL. 70

€ 21,35 (Iva inc.)
PAPE70
AMARI
Condividi su:

INFORMAZIONI PRODOTTO


Padre Peppe cl. 70


Informazioni tecniche

Produttore F.lli Striccoli Srl
Nazione Italia
Regione Puglia
Zona di produzione Altamura (BA)
Gradazione 42%


Profumi di erbe della macchia mediterranea. Color mogano.
Un gusto che stimola sensazioni dolci, amaricanti, persistenti come un delizioso ricordo da assaporare a lungo.

CURIOSITA':

La storia del Padre Peppe inizia alla fine del 700, quando il frate cappuccino Padre Giuseppe Ronchi, si ritira in Puglia con il desiderio di scoprire nella Murgia, nei suoi boschi, nei suoi prati, nelle sue acque e nelle sue rocce, un rimedio che potesse lenire o guarire le molestie e le infermità che il vivere quotidiano porta in sé. Seguendo la tradizione monastica, conduceva la sua vita cercando di aiutare tutti a ritrovare l’equilibrio globale dell’organismo: mente, anima e corpo.In Puglia trovò il modo di estrarre succhi medicamentosi dalle erbe e dai frutti, estratti lavorati con dedizione nell’officina del monastero, dove il frate poteva sperimentarne l’azione terapeutica per il sollievo di frati e fedeli.Con il passare del tempo, un grave problema iniziò ad assillare il frate ‘speziale’ (così venivano chiamati i frati ‘farmacisti’ che lavoravano e curavano con le spezie): conservare e mantenere integre le preparazioni fino al momento del loro utilizzo. Provò a conservare molte spezie erbe e frutti utili per i suoi medicamenti e fu così che nel tempo, perfezionò un estratto di cura e benessere.

La tradizione vuole che siano mani femminili a raccogliere le noci acerbe da utilizzare poi per il magico liquore…a piedi nudi, danzando intorno all’albero per assicurare vitalità alla pianta e a chi ne gusterà il sapore…poiché tutto avviene durante la notte più corta dell’anno, quando la luce vince sulle tenebre.Ancora oggi nella notte più breve dell’anno si raccolgono le noci ancora verdi e immature. Vengono lavorate e conservate per 4 anni in antiche botti di rovere, sprigionando per i palati più decisi l’inconfondibile gusto −sempre uguale− da più di 200 anni. Conservando il color mogano e il profumo di noci e di erbe spontanee di sottobosco. La famiglia Striccoli negli anni ha conservato con cura e dedizione il prontuario stilato dal frate, pagine redatte dal frate che spiegano e codificano tutti i preparati dell’officina del monastero e tra queste tutte le fasi di produzione del prezioso elixir.

Powered by Passepartout